INTRO byrontheaquarius

Sabato 8 dicembre sarà Byron The Aquarius il protagonista assoluto per l’appuntamento fisso targato Thisisnot. presso L’Andy Live Music di Castiglione Olona (VA).
Nativo di Birmingham, in Alabama, e successivamente migrato prima a Detroit e successivamente ad Atlanta, Byron Blaylock, in arte Byron The Aquarius, si sta ormai da tempo confermando essere uno dei più grandi artisti del momento nel panorama dell’house music globale.


Musicista jazz e pianista di formazione, Byron The Aquarius è anche un grande appassionato di musica hip hop, la cui armonia, pace e gioia simboleggiano per lui la massima rappresentazione della cultura afroamericana della quale Byron stesso è originario.
Non a caso, infatti, per Byron la musica è arte, in quanto frutto della creatività umana e capace di suscitare in chi l’ascolta emozioni in grado di arrivare a toccare le corde più profonde del nostro cuore.
Tra le prime collaborazioni musicali di Byron The Aquarius c’è sicuramente quella col noto produttore parigino di origini vietnamite Onra, con il quale lo stesso Byron ha realizzato il suo primo album “The Big Payback” pubblicato nel 2007 con l’etichetta Circulations.
Da quel momento in poi Byron è stato molto richiesto dal mercato musicale tanto che con le sue produzioni ha collaborato in modo significativo alla realizzazione di diversi album, mix e compilation per importanti produttori ed etichette discografiche.

Tra queste produzioni ricordiamo “Simple Love” per la compilation “A JourneyInto Future” pubblicata su Reebok nel 2007, “RobertaFlack” realizzata per il progetto musicale “Los Angeles” di Flying Lotus su WarpRecords nel 2008 e “Repetitive” per la compilation “RusicLeacks” di RusicRecords nel 2009.
Nel 2010 Byron ha conosciuto a Detroit uno dei producer del team di Dr. Dre, Denaun Porter, con il quale ha collaborato ad alcuni dischi di Eminem come “Alchemist” e “Royce Da 5’9”.
Entusiasta di questa esperienza, Byron ha deciso di tornare in Alabama, dove, per affinare le sue tecniche musicali, ha intrapreso gli studi in jazz e pianoforte presso la MorehouseUniversity e la Jacksonville State University.

Terminati i suoi studi musicali, l’artista americano ha realizzato le tracce “When the Time is Right” per l’album “On Deck” pubblicato su BamaLoveSoul nel 2012, e “Galactic Soul” per l’album “Galactic Soul” dei Natural Sequence pubblicato su Free Crates nel 2014.

 


Nel 2015 Byron The Aquarius pubblica l’album “Planets of Love”, costituito da una raccolta di dieci tracce inedite e pubblicato con BBE.
Successivamente ad Atlanta ha conosciuto Kai Alce, l’uomo che lo ha condotto sulla via dell’house e della techno music e con il quale ancora oggi lavora a stretto contatto.
Grazie a quest’ultimo, Byron ha iniziato a vivere Detroit e a conoscere artisti di rilievo come Carl Craig, Kyle Hall, col quale ha collaborato al progetto musicale “GoneToday Here Tomorrow” pubblicato con Wild Oats nel 2016, e Theo Parrish, per il quale ha realizzato l’EP “High Life” pubblicato con Sound Signature sempre nel 2016.


Da questo momento in poi è ufficialmente iniziata la carriera artistica di Byron The Aquarius che, grazie alla particolarità e all’unicità delle sue produzioni musicali, che vedono l’intrecciarsi di sonorità che vanno dalla musica classica al jazz e ancora dall’hip hop all’elettronica prima di arrivare alla sua amata house music, gli hanno permesso di diventare un artista a tutti gli effetti.
Il 2017 è stato per Byron un anno molto prolifico dal punto di vista lavorativo e delle produzioni musicali.
Di queste produzioni le più famose sono“1988”realizzata per Future ReactionsRecordings, “FishSoup” per Second HandRecords, “LeavingThis Planet” per Eglo Records, “Nights in Jakarta” per In-Beat-Ween Music, “Eira” perMelange, “Champa” perEleRecords e “Mocha Love” perIwawaki FM.
Byron The Aquarius ha iniziato anche ad esibirsi suonando come ospite per grandi festival europei come il Dimensions Festival di Fort Punta Christo in Croazia nel 2016, il Dekmantel Festival di Amsterdam nel 2017, il Sònar Music Festival di Barcellona nel 2018 e il Dooinit Festival di Rennes sempre nel 2018.
Per il 2019 Byron sta già lavorando alla produzione di nuove tracce inedite che verranno pubblicate sulla sua etichetta Talk NoiseRecordings.


A scaldare i motori per la grande serata di Sabato 8 dicembre, prima dell’arrivo di Byron The Aquarius, ci penserà Andrea Crestani, djresident, producer e co-founder del progetto Thisisnot., che col suo sound elettronico e ricercato,caratterizzato da profonde sfumature techno, aprirà le danze per una serata assolutamente da non perdere.

Marco Passi

BACK