header tomoki
“Mi ha sorpreso, il locale è grande ed era pieno nonostante la pioggia. Amo la folla. Si chiama “This Is Not Party” che vuol dire “questo non è un party”...ma la parola giusta è proprio...party!”

Così Tomoki Tamura descriveva la serata appena trascorsa nel locale della nostra provincia. È passato quasi un anno da una delle serate più memorabili della scorsa stagione del This Is Not: eppure sembra davvero ieri, proprio perché la sua performance alla consolle è rimasta nella memoria di chi c'era.

sny 4421Era il 15 novembre 2014 e l'ospite d'onore era lui: sabato 24 ottobre il Dj di origine nipponica sarà di nuovo all'Andy Live Music di Castiglione Olona per stupire il floor ancora una volta. Segno che la sua esibizione era stata apprezzata davvero tanto, ma che anche Tomoki si è trovato bene dalle nostre parti, visto che ha deciso di tornarci più che volentieri. Oltre a essere stato conquistato dalla formula del This Is Not Party, l'artista giapponese si è innamorato in generale dell'Italia come ci aveva raccontato un anno fa, grazie alla “gente felice, al cibo e al buon vino”.


Tamura è uno che non risparmia i beat: è considerato uno dei migliori esponenti della raw, ovvero la house con l'H maiuscola. Non solo deejay, ma anche produttore, l'artista nato in Giappone (a Osaka) ha sviluppato la propria carriera in Europa; innanzitutto in Germania (vive a Berlino), ma soprattutto a Londra: basti citare locali storici come Fabric, Ministry of Sound e Plastic per capire la portata del suo talento artistico.


Tra i passaggi degni di nota del suo percorso c'è il legame con il Club The End/AKA,uno dei locali più amati della seconda metà degli anni Duemila (attivo fino al 2009). Cinque anni fa Tamura è diventato resident del Womb Club di Tokyo, uno dei locali più celebri del suo Paese d'origine. Da tre anni Tomoki si dedica anche all'attività di produttore attraverso la sua label HOLIC TRAX: l'etichetta era nata partendo da una serie di parties londinesi che si chiamavano proprio Holic.
Il suo legame con l'Italia è iniziato da tempo e ha fatto già nascere importanti collaborazioni, come il progetto Doublet che Tamura ha intrapreso con un Dj nostrano, Tuccillo: una realtà che continua a portare ottimi frutti e che ha in serbo diverse news.


L'anno scorso Tomoki ci aveva raccontato che la sua fonte di ispirazione primaria quando decise di diventare un Dj furono le star americane della house music: quelle note erano arrivate fino alla sua città, Osaka e gli avevano causato un vero e proprio colpo di fulmine.
Appuntamento da non perdere, dunque, per questo gradito ritorno: insieme allo special guest Tamura, sabato 24 ottobre suoneranno con lui anche Sibe e Samuele De Santis.


Intanto, proprio in questi giorni Tomoki ha postato questo messaggio sulla propria pagina Facebook dove esprime la sua gioia nel tornare a suonare da noi: “Happy to be back for This Is Not Party in Italy this sat”, aggiungendo un video della sua performance dell'anno scorso.

Vesna Zujovic

BACK