header djred

Era da prima di Natale che l'affollata community del This Is Not Party attendeva questo momento: finalmente il 13 febbraio arriva il “This Is Not Re-Opening Party” che vedrà una super-ospite dai capelli color rubino: si tratta di Dj Red, conosciuta a livello internazionale ma italiana di nascita, visto che arriva precisamente da Roma (è anche la resident del Goa, celebre punto di riferimento della Capitale). Il suo vero nome è Simona Calvani e oggi è uno dei nomi di punta dell'etichetta Bpitch Control di Berlino. Occhi azzurri e riccioli di fuoco, Dj Red è una delle più apprezzate esponenti della scena underground, non soltanto in Italia ma anche all'estero (ha suonato nelle principali capitali come Berlino, Barcellona e Londra).

Citando le sue principali produzioni discografiche troviamo il primo Ep dal titolo “Silk or Metal”seguito dal sequel "Silk or Metal" vol 2. Parlando invece degli ultimi lavori abbiamo invece “The fresh flesh” con un brano che è andato molto forte ovvero “Fresh”. La dj, come racconta sul suo sito ufficiale, ama molto la techno music, ma le sue lezioni si muovono molto anche sul deep e sul groove. Il tutto sempre con un tocco di stile, non a caso nel suo percorso si è occupata anche di moda.

Abbiamo avuto il piacere di fare una chiaccherata con Simona, di seguito l'intervista.

  • Ciao Simona, che emozioni provi ad aprire la nuova stagione 2016 del This Is Not Party?

Sono contenta di essere stata invitata al vostro party e fare festa con voi :-) !!

  • Cosa pensi della scena elettronica italiana di oggi?

Forse non dovrei essere così’ sincera, ma non posso esimermi dal farlo, In Italia la scena non c’è … quella che c’era si è fermata.
Ci sono delle piccole realtà’ o isole felici, ma non si possono chiamare “Scena”.
In Italia si sperimenta poco, funzionano i Djs mainstream, molto è moda, le strutture sono poche. Oltre a questo basti pensare che ci sono molti Djs italiani, bravi produttori, che non vengono chiamati a suonare se prima non hanno raggiunto un certo Hype, parlo anche della mia esperienza, devi prima uscire dall’ Italia, essere riconosciuto all’estero e poi forse vieni riconosciuto e apprezzato anche in Italia.”Nemo profeta in patria”
Penso che con questi presupposti non è facile costruire una scena.

  • E invece le tue fonti di ispirazioni a livello internazionale?

Tutto è fonte di ispirazione, vivere tra due citta’ come Roma e Berlino, confrontarmi con tanti bravi artisti, viaggiare, ascoltare, leggere.

  • Ci racconti di come è nata la tua passione per la moda?

Per caso un giorno un mio amico mi invito’ ad una festa a casa di una ragazza che non conoscevo, lei si occupava di moda, all’inizio pensavo fosse solo una festa invece era la presentazione della nuova collezione .Erano in due ad occuparsene e rimasi molto affascinata dai loro abiti ricercati e curati e parlando con loro mi dissero che avevano bisogno di  qualcuno che le aiutasse, ovviamente io non sapevo nulla di come funzionava, ma ero bene disposta a dargli una mano e ad imparare.
Cominciai ad aiutarle e da li decisi di iscrivermi all’ Accademia di Costume e Moda di Roma. Così inizio’ la mia avventura nella moda. Lavoravo e studiavo contemporaneamente. Poi una volta finiti gli studi decisi di creare un mio brand  di borse e accessori, ma parallelamente c’era la musica altra grande passione che portavo avanti e per cui a un certo punto fui costretta a scegliere tra le due cose e scelsi la musica.

  • E in che modo invece la tua vita si è quindi orientata sul fronte musicale?

Come dicevo prima oltre alla moda sono sempre stata appassionata di musica, ho portato avanti le due cose, all’inizio era solo un hobby, mi piaceva andare alle feste nei club e in giro per l’Italia. Mi ritrovavo spesso casa  con  un gruppo di amici che amavano la musica elettronica come me, passavamo giornate intere ad ascoltare musica, uno di questi ragazzi aveva i piatti e suonava ed io ero molto affascinata e seguivo tutto quello che faceva e pensavo che avrei voluto farlo anch’io, così iniziò tutto. Poi cominciarono le prime feste e le prime serate finchè iniziai a suonare sempre più’ spesso, fino al momento in cui sono approdata al Goa club.

  • Come mai la techno è il tuo genere preferito?

Probabilmente perchè sono nata e cresciuta in una citta’ come Roma, che ha un’anima techno.
Vivere e partecipare nei primi anni 90 ad un fenomeno musicale come quello dei rave party ha cambiato il mio modo di percepire e di interpretare la musica e la festa, per cui la techno è parte del mio percorso, del mio bagaglio culturale.

  • Com'è cambiata la scena dagli anni Novanta (quando hai iniziato) a oggi?

Ho iniziato a suonare alla fine degli anni 90 e, sono cambiate molte cose.
Prima non c’era tutta questa informazione e non tutti arrivavano a vedere e a partecipare a un certo tipo di feste underground perchè neanche si sapeva l’esistenza di queste. Era più un passaparola, solo se eri parte di un certo circuito ci arrivavi, c’era un’alone di mistero che rendeva tutto molto affascinante.
Oggi la scena è cambiata, si è molto evoluta.
Il pubblico è preparato rispetto a prima, grazie all’informazione che arriva dalla nascita dei social network. Oggi c’è più’ scambio anche con i Djs, che grazie al web diffondono il loro suono e le loro idee.
La figura del Dj è cresciuta fortemente e questo cambiamento ha messo la musica elettronica nell’olimpo com è avvenuto per il rock e la disco.

  • Qual è l'esperienza live che ricordi con maggiore affetto?

Quando suonai ad Amore festival a Roma in chiusura dopo i Chemical Brothers fu un festone incredibile ed emozionante, c'erano moltissimi amici a far festa con me.

  • Ci parli delle ultime tue produzioni discografiche?

Le mie ultime produzioni sono techno, uscite su due label diverse, una “Eyes are Blind” su Bpitch Control etichetta di Ellen Allien, sono 5 tracks  e 2 di queste sono  solo in digitale e le altre in vinile.
L’altro EP “Duality” è su Electric Deluxe etichetta di Speedy j.

  • Puoi anticipare qualcosa della tua serata al This Is Not?

Faro’ un set utilizzando quasi esclusivamente vinile …non so anticipare esattamente cosa farò, sarà una sorpresa per voi e per me :-)

Vesna Zujovic

BACK