intro monesi

Serata speciale quella in arrivo il 10 febbraio al This Is Not Party: come di consueto l’appuntamento è all’Andy Live Music di Castiglione Olona (via Tevere 18) per una notte che vedrà una doppietta di ospiti, ovvero Fabio Monesi (Wilson Records) e Dirty Channels (Ovum Recordings); oltre a loro salirà in consolle anche il varesino Samuele De Santis.


Fabio Monesi si caratterizza per un sound personale e molto marcato, in particolare con un riferimento alla sua predilezione analogica, quella che rimanda all’età dell’oro della house music. Quasi tutte le sue tracce sono uscite per la Wilson Records, label che fa solo vinile che vanta al suo interno grandi nomi di Chicago come Gene Hunt e Jordan Fields.


Non solo: Monesi ha lavorato anche per altre importanti etichette come Creme Organization, Russian Torrent Versions e Dog in The Night, entrambe connesse alla newyorkese L.I.E.S. capitanata da Ron Morelli.
Quattro anni fa, nel 2014, Fabio inizia a pubblicare con lo pseudonimo di Hissman col quale crea una seconda label: Hardmoon London, progetto più crudo ed essenziale caratterizzato da una grande sperimentazione: una strada in costante ascesa la sua, tanto che è stato chiamato a esibirsi nei più famosi club europei. Inoltre Monesi vanta numerose collaborazioni con artisti noti come Gene Hunt, Derrick May, Ben Sims, il già citato Morelli e molti altri.

 

intro dirty channels
Parlando invece degli altri ospiti di sabato, i Dirty Channels sono un talentuoso duo milanese (conosciuto anche per la loro serata "Take It Easy" presso il Tunnel Club di Milano, ma anche per le loro numerose apparizioni radiofoniche) nato nel 2008.


Loro sono Simone e Leme, Dj e Producer con entrambi un’esperienza solista alle spalle e che decidono di collaborare insieme. I primi ad accorgersi del loro talento sono i Pastaboys, che producono le loro prime tracce sulla storica label Manocalda.

In seguito escono tracce per labels celebri come Hot Waves / Hot Creations (di Jamie Jones), Ovum (di Josh Wink) e Culprit LA.
Fioccano le recensioni positive e vengono inseriti nelle playlist di Dj noti come Pete Tong, Kerri Chandler, Maya Jane Coles, Groove Armada altri ancora.
Segue il successo del singolo "On The Way" (Culprit), traccia scelto dal noto Dj MK per la sua compilation Defected In The House.
Non si può definire la musica dei Dirty Channels con un unico vocabolo: quel che è certo è che ascoltandoli si sente una miscellanea di sonorità deep, old school house, disco e techno Detroit.

 


Vesna Zujovic

BACK